Bio: Natalie Portman

NATALIE PORTMAN, un’attrice dal talento e padronanza di sé che vanno ben oltre alla sua età, è diventata una delle più famose e dotate giovani attrici di Hollywood.

Nata a Gerusalemme, in Israele, il 9 Giugno del 1981 da madre casalinga con l’hobby dell’arte e da padre medico specialista della fertilità, la Portman ha intrapreso la sua carriera nel mondo dello spettacolo dopo essersi trasferita coi genitori a New York, all’età di 3 anni. All’età di 11, viene contattata da un agente pubblicitario che la nota per caso in una pizzeria di New York, e che le offre un ruolo da modella, ma Natalie sostiene di preferire la recitazione, ed è così, quasi per gioco, che inizia la sua carriera artistica.

Il primo successo internazionale arriva grazie alla sua interpretazione cinematografica nel film di Luc Besson Leon (The Professional) nel 1994. Al fianco di artisti del calibro di Jean Reno e Gary Oldman, la Portman interpreta Mathilda, una ragazzina che cerca rifugio e protezione presso un sicario (Jean Reno) dopo l’assassinio di entrambi i genitori da parte di un ufficale corrotto della DEA (Gary Oldman). La sua performance è così acclamata dai critici del settore da farle ottenere il premio YoungStar Award sponsorizzato dall’Hollywood Reporter come “Migliore Attrice drammatica”.

Natalie continua ad impressionare il pubblico con la sua interpretazione nel film della Miramax Beautiful Girls (1996). Diretta da Ted Demme, questa commedia agrodolce conta nel cast Timothy Hutton, Uma Thurman, Rosie O’Donnel, e Matt Dillon.

Successivamente la Portman recita in Heat: La Sfida (1995) di Michael Mann insieme ad Al Pacino, Robert De Niro e Val Kilmer, nel musical di Woody Allen Tutti dicono I love You (1996) al fianco di Julia Roberts e Drew Barrymore, e nella commedia dark di Tim Burton Mars Attacks! (1996) con Jack Nicholson e Glenn Close.

Nel 1997 fa il suo debutto sui palcoscenici di Broadway nel ruolo di Anna Frank nello spettacolo teatrale Il Diario di Anna Frank. Diretto da James Lapine ed adattato da Wendy Kesselman, la produzione ha conferito un aspetto più nuovo allo spettacolo, aggiungendo nuovo materiale preso dalla Edizione Definitiva del Diario di Anna Frank uscito nel 1995.

Poco dopo Natalie Portman sarebbe diventata famosa in tutto il mondo per il ruolo di Padmé Amidala nella a lungo anticipata nuova trilogia di Star Wars di George Lucas, assieme, fra gli altri, a Ewan McGregor, Hayden Christensen, e Samuel L. Jackson. I tre film, Star Wars Episodio I: La Minaccia Fantasma (1999), Star Wars Episodio II: L’Attacco dei Cloni (2002) e Star Wars Episodio III: La Vendetta dei Sith (2005), rappresentano i prequel della trilogia degli anni 70/80 di Star Wars, che ha conferito a Lucas e alla sua galassia lontana lontana un successo interplanetario e destinato a rimanere a lungo nell’immaginario popolare, così come molti degli attori che vi hanno partecipato.

Durante la produzione della Nuova Trilogia di Star Wars, che in tutto è durata circa una decina d’anni, la Portman è stata impegnata in altri progetti quali La mia Adorabile Nemica (Anywhere but Here – 1998) con Susan Sarandon che le ha fatto guadagnare una nomination ai Golden Globe Awards come Miglior Attrice Non Protagonista, e Quì dove Batte il Cuore (Where the Heart Is – 1999) di Matt Williams assieme ad Ashley Judd.

Dopo una piccolissima apparizione come guest star nel ruolo di se stessa in Zoolander (2000) di Ben Stiller, Natalie ha ricevuto molte lodi dalla critica per il ruolo di Nina in The Seagull (2001), spettacolo teatrale diretto da Mike Nichols che figurava fra gli altri attori Meryl Streep, Kevin Kline e Philip Seymour per il New York Shakespeare Festival.

Un altro successo arriva grazie ad una parte minore nel plurinominato agli Oscar Ritorno a Cold Mountain (2003) di Anthony Minghella al fianco di Jude Law, Nicole Kidman e Renee Zellweger. In questo periodo gira inoltre il corto di Tom Tykwer True, parte della serie di film Paris je t’aime.

La sua successiva interpretazione è nel ruolo di Sam in La Mia Vita a Garden State (2004), una commedia sui sentimenti e acclamata dalla critica scritta, diretta, e interpretata da Zach Braff. Ancora una volta ottiene una nomination ai Golden Globe.

Un altro ruolo che le ha fatto guadagnare i favori della critica è quello di Alice/Jane nell’adattamento dello spettacolo teatrale di Patrick Marber Closer (2004) diretto da Mike Nichols, nel quale recita al fianco di Jude Law, Julia Roberts e Clive Owen. Il suo lavoro in questo film le ha permesso di ottenere molti riconoscimenti, compreso un Golden Globe come Miglior Attrice non Protagonista e una nomination agli Oscar nella stessa categoria. Anche la San Diego Film Critics le ha conferito lo stesso premio.

Natalie Portman ha di recente completato ben 3 lavori cinematografici che la vedranno protagonista sui grandi schermi per tutto il 2006. Oltre naturalmente a V for Vendetta, la vedremo nel film Israeliano Free Zone diretto da Amos Gitai, e in Goya’s Ghost di Milos Forman.

Per l’inizio del 2006 la Portman sarà impegnata con le riprese di Mr. Magorium’s Wonder Emporium diretto da Zach Helm, nel quale sarà affiancata da Dustin Hoffman.

Oltre ai riconoscimenti ricevuti per i suoi meriti artistici di recitazione, Natalie Portman si è anche laureata in psicologia all’Università di Harvard nel 2003.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *